D’Angelo/Bianchi Duo è un progetto musicale che si muove fra jazz, samba, blues e choro. L’improvvisazione e la ricerca di dialoghi fra le due chitarre sono le colonne portanti.

PER PRENOTAZIONI: 0583/051564

—————————————————–

FRANCESCO D’ANGELO (Francesco D’Angelo)
Nato a Pisa nel 1991, comincia a suonare la chitarra a dieci anni grazie ad uno zio che gli dà i primi rudimenti e lo avvia all’improvvisazione, pratica che porta avanti da sempre con passione e costante ricerca.
Dopo una prima esperienza classica con Marco Borghini, passa allo strumento elettrico e studia con Marco Bracci presso l’Accademia “Stefano Strata” di Pisa, suonando soprattutto blues, ma anche altri generi moderni, cosa che lo spingerà a sperimentare in tale ambito con diversi musicisti dell’ambiente toscano.
Si iscrive al Liceo Artistico Multimediale Musicale “A. Passaglia” di Lucca, proseguendo gli studi chitarristici classici con Fabio De Ranieri. In quel periodo si appassiona anche alla musica sudamericana, in particolare brasiliana, ma soprattutto al jazz.
Ottiene il Diploma Accademico I livello in chitarra classica con votazione 110 e lode presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” di Livorno sotto la guida del M° Nuccio D’Angelo, col quale si è perfezionato, conseguendo anche il Diploma di II livello, sempre col massimo dei voti. Attualmente studia Chitarra jazz con Riccardo Bianchi e composizione e arrangiamento jazz con Mauro Grossi al Conservatorio di Livorno.
Ha avuto modo di partecipare come allievo a diversi corsi e a masterclass di musicisti molto differenti fra loro. Fra i più importanti ricordiamo Robben Ford, Jacopo Martini, Mauro Rossi, Stefano Agostini, Flavio Cucchi, Marco De Biasi e Giampaolo Bandini.
Grazie ai corsi di composizione del M° Alessandro Polito ha potuto collaborare col Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e col Teatro del Giglio di Lucca in qualità di chitarrista e compositore.
Trasformandosi saltuariamente in mandolinista ha avuto l’opportunità di suonare presso il Teatro del Giglio e il Teatro “S. Girolamo” di Lucca, il Teatro “G. Verdi” di Casciana Terme e di vincere il I premio al concorso “Riviera Etrusca” di Piombino con l’Orchestra di chitarre “A. Passaglia”.
Nel 2016 si è aggiudicato il I premio al concorso per la borsa di studio dell’Istituto Mascagni di Livorno.

A breve pubblicherà la propria revisione dei Cinco Piezas di Astor Piazzolla, frutto di una lunga ricerca storica e musicale, nonché un articolo sulla rivista “Musica/Realtà”.

Essendo molto interessato alla didattica, riconoscendone l’estrema importanza anche per la realizzazione di identità del musicista, ha partecipato ai seminari di insegnamento della chitarra del M° svedese Stefan Loftvenius e ha frequentato i due corsi di pedagogia musicale offerti dall’Istituto Mascagni di Livorno.
Dal 2009 ha collaborato con numerose scuole di musica del territorio. Attualmente ricopre il ruolo di docente presso la scuola primaria “G. Galilei” di Cascina, presso l’Accademia Musicale Glenn Gould di Pontedera e alla Filarmonica Senofonte-Prato di Vecchiano, svolgendo parallelamente l’attività concertistica, sia come solista che in gruppi da camera e formazioni moderne.

—–

RICCARDO BIANCHI
Nato a Cremona nel 1957. Studia chitarra classica con Umberto Sterzati e Jazz alla Scuola Jazz Cremona di Nino Donzelli. Esordisce nell’orchestra estiva di Giorgio Gaslini. Dal ’79 in poi suona in gruppi stabili, progetti discografici e collaborazioni saltuarie con diversi musicisti italiani e stranieri fra cui Enrico Rava, Tino Tracanna, Furio di Castri, Roberto Gatto, Franco e Stefano Cerri, Steve Swallow, Sandro Gibellini, Roberto Cipelli, Tiziana Ghiglioni, Tiziana Simona, Kenny Wheeler, Luca Flores, Giulio Visibelli, Norma Winstone, Stefano Cantini, Piero Borri, Lello Pareti, Rosario Bonaccorso, Marco Micheli, Fabio Morgera, Walter Paoli, Ettore Fioravanti, Dave Holland, J.J. Avenel, Matthias Schubert, Sean Bergin, Claudio Fasoli, Luca Campioni, Massimo Colombo, Barbara Casini, Roberto Martinelli, Marco Ricci, Stefano Bagnoli, Giorgio di Tullio, Bruno Tommaso Big Band, Roberto della Grotta, Guido Mazzon, Intra Civica Jazz Band, Mauro Negri, Bruno Aragosti, Tiziano Tononi.